Tè verde e caffè hanno realmente un effetto dimagrante?

tè verde e caffè hanno realmente un effetto dimagrante?

Esistono molti studi che affermano il “potere” lipolitico della caffeina e delle catechine contenute nel , queste sostanze sarebbero in grado, infatti, di rimuovere il grasso dai siti di deposito e metterlo in circolo per ricavarne energia. Nonostante ciò, bisogna precisare che il passaggio dalla teoria alla pratica non è sempre facile,  è necessario considerare:

·         la dose efficace

·         gli effetti collaterali di tale dose

·          il problema dell’assuefazione

Se vogliamo che il nostro metabolismo basale (ovvero l’energia consumata dal nostro corpo in condizioni di assoluto riposo) aumenti del 10-25% sono necessari  5 caffè oppure 20-25 tazze di the verde, che corrispondono a circa 500 mg di caffeina. In pratica: su un’alimentazione di 2000 cal si risparmierebbero circa 300 cal. E’ davvero un risparmio calorico per il quale varrebbe la pena tentare? 300 calorie non sono impossibili da eliminare, corrispondono  a circa 90 g di mortadella, 80 g di biscotti, un croissant di 75 g… se poi il soggetto in questione è sensibile alla caffeina, ecco che si vengono ad aggiungere numerosi effetti collaterali, per citarne uno ad esempio la difficoltà nel prendere sonno.

Nel caso in cui si riesca ad assumere 5 caffè al giorno senza manifestare alcun tipo di disturbo, resta comunque il problema dell’assuefazione: il nostro organismo, infatti, si adatta alla quantità di caffeina assunta ridimensionando così tutti gli effetti prodotti dalla stessa, compreso quello dimagrante. A questo punto verrebbe da pensare che il caffè sia una bevanda utile solo al piacere delle nostre papille gustative… In realtà le cose non stanno proprio così, l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha chiarito di recente la relazione  caffeina-prestazione sportiva attraverso una serie di meta-analisi di studi randomizzati controllati. Da questi studi emerge che la caffeina:

1.     migliora la resistenza se assunta nell’ordine di 3 mg/kg di peso corporeo  un’ora prima della prestazione sportiva e con almeno un  giorno di astinenza dalla caffeina nei consumatori abituali (per un  soggetto di 70 kg tale dose corrisponde a 2 tazzine di caffé);

2.     riduce lo sforzo percepito durante l’attività fisica se si assumono 4 mg/kg di peso corporeo un’ora prima dell’allenamento e con  12 ore di astinenza da caffeina nei consumatori abituali (circa 3 caffè per un soggetto di 70 kg);

3.     migliora il recupero delle scorte di glicogeno (abbinata a carboidrati e proteine) subito dopo un intenso allenamento di resistenza, in questo caso la dose da assumere è di 2 mg/kg di peso corporeo (2 tazzine di caffè per un soggetto di 75 kg).

In conclusione è nostro dovere fornire ai consumatori informazioni veritiere su ciascun alimento,  in modo da non incoraggiare comportamenti errati in tema di nutrizione e facendo così della sana prevenzione.

ADD A COMMENT

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scopri in anteprima le promozioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER