La corretta alimentazione post parto: cosa mangiare durante l’allattamento

  • Home
  • Alimenti
  • La corretta alimentazione post parto: cosa mangiare durante l’allattamento

Perdere peso durante l’allattamento è possibile seguendo una bilanciata alimentazione post parto

Tornare in forma dopo una gravidanza non deve compromettere l’allattamento e la salute della mamma e del suo bambino. Seguire una completa ed equilibrata alimentazione post parto non è però sempre facile: il tempo da dedicare alla preparazione dei pasti è sempre pochissimo, i neonati richiedono molte energie, gli sbalzi ormonali non danno tregua e, molto spesso, le neomamme non ricevono le giuste informazioni.
Per questo motivo è importante conoscere quali sono gli alimenti che devono essere consumati e quali invece evitati, affidandosi a dei professionisti che possono sviluppare un programma alimentare su misura per tornare in forma, essere sempre energiche, senza privazioni, e concedersi anche qualche sfizio.

 

Tornare in forma durante l’allattamento seguendo un’alimentazione post parto sana ed equilibrata

Subito dopo il parto, le neomamme sono spesso angosciate perché vorrebbero tornare alla loro forma fisica e tendono, erroneamente, ad associare l’allattamento con l’aumento di peso. Niente di più sbagliato perché, proprio grazie al maggiore dispendio energetico dovuto alla produzione del latte materno, la donna è facilitata nella perdita di peso.
I kili in più di grasso che rimangono dopo la gravidanza sono necessari per produrre latte di qualità e, al tempo stesso, uno dei vantaggi dell’allattamento al seno è la possibilità di recuperare più in fretta il peso forma.
L’allattamento consente quindi al bambino di crescere sano e forte, ricevendo tutti i benefici e nutrienti di cui ha bisogno, e permette anche alla mamma di perdere peso naturalmente, a condizione che la sua alimentazione risulti equilibrata e venga associata ad uno stile di vita sano.

 

Come perdere peso dopo la gravidanza: l’alimentazione post parto da seguire

Durante questa particolare e delicata fase della vita di una donna è necessario prendersi cura della propria salute, anche attraverso l’alimentazione, per superare la stanchezza accumulata durante la gravidanza e il parto, ma anche per garantire al proprio bambino una crescita sicura, che dipende dalla qualità del latte materno.
Con l’allattamento si perde naturalmente peso. Non serve quindi forzare il dimagrimento ma solo prestare attenzione a non accumulare chili in eccesso, regolando la quantità di cibo assunto e scegliendo alimenti funzionali.
Un’alimentazione equilibrata durante il periodo dell’allattamento deve adattarsi al crescente fabbisogno nutrizionale della donna: la produzione di latte determina un dispendio energetico di circa 350-400 Kcal giornaliere in più rispetto alla normalità. In particolare è richiesto:

  • Un aumento del fabbisogno proteico, il quale deve essere maggiorato di 21 g/die nel primo semestre di allattamento esclusivo e di 14 g/die nel secondo semestre;
  • Assunzione di alcuni micronutrienti come calcio, iodio, magnesio, zinco e di tutte le vitamine, in particolare A e D, contenuti in frutta e verdura (albicocche, broccoli, mirtilli, lamponi, spinaci e barbabietole);
  • Incremento di acqua, in quanto la produzione di latte richiede (un oneroso) un apporto di acqua che va dai 2,5 litri a 3 litri.

Durante l’allattamento bisognerebbe anche evitare cibi troppo piccanti, che potrebbero eccitare il neonato, e quelli dai sapori molto forti come aglio e cipolla che rendono il latte poco gradevole. Si consiglia inoltre di limitare l’assunzione di bevande come caffeina e alcol, che possono causare coliche e disidratazione, e di cibi troppo conditi, fritti e zuccherati.

 

L’allattamento per la salute del bambino: quanto l’alimentazione materna incide

L’allattamento al seno, quando possibile, gioca un ruolo fondamentale per la salute del bambino. Attraverso il latte materno, infatti, il piccolo acquisisce tutti i principi nutritivi fondamentali per la sua crescita, gli anticorpi necessari per difendersi dalle infezioni, i fattori ormonali coinvolti nel meccanismo di regolazione del rapporto fame-sazietà e i microrganismi materni che influenzano la composizione della sua flora batterica intestinale.
La qualità del latte assunto dal neonato dipende dall’alimentazione seguita dalla mamma. Una dieta sana ed equilibrata, ricca di alimenti naturali come frutta e verdura, costituisce un grande beneficio per il bambino e gli permette di conoscere ed acquisire nuovi e diversi sapori.
Una sana e bilanciata alimentazione materna rappresenta la scelta migliore al fine di prevenire e/o correggere, tramite interventi mirati, possibili stati di carenza di specifici nutrienti. Garantisce inoltre un appropriato arricchimento della dieta che permetterà al nascituro di crescere in maniera corretta e alla mamma di ritornare in forma rispettando i propri tempi, ma soprattutto il proprio corpo.

Intraprendere un regime alimentare corretto con l’aiuto di un nutrizionista Keyum permette di non stravolgere i propri gusti e di non affidarsi a diete troppo restrittive o inadeguate, sconsigliate e controproducenti in questa fase così delicata.

ADD A COMMENT

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scopri in anteprima le promozioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER